Terminato esame Ddl Amm.ne straordinaria grandi imprese – 20 aprile 2017

La Comm. Attività produttive ha terminato l’esame del ddlC.3671-ter recante Delega al Governo in materia di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in stato di insolvenza.

Approvati emendamenti del relatore per recepire alcune condizioni presenti nei pareri parlamentari in sede consultiva. Il provvedimento è atteso in Aula nelle prossime settimane.

Analisi
Gianluca BENAMATI (PD), relatore, ha illustrato il contenuto degli emendamenti presentati volti a recepire alcune osservazioni del Comitato per la legislazione, della Commissione Giustizia nonché le condizioni poste dalla Commissione Bilancio, ex articolo 81 della Costituzione, nel parere di competenza. In particolare:
• l’emendamento 1.100 sopprime il comma 3 dell’articolo 1 volto a escludere il ricorso alla tecnica dello scorrimento per l’esercizio della delega;
• l’emendamento 1.101 inserisce la clausola di invarianza finanziaria all’articolo 1;
• l’emendamento 2.100 recepisce l’osservazione dalla Commissione Giustizia che ha ritenuto opportuno per ragioni di chiarezza, prevedere all’articolo 2, lettera f), due diverse lettere volte, l’una, volta a istituire e disciplinare l’albo dei commissari straordinari per l’amministrazione delle grandi imprese in stato di insolvenza nonché a determinare gli stessi i requisiti che devono possedere gli iscritti, l’altra, a disciplinare le modalità con le quali il Ministro dello sviluppo economico deve procedere alla nomina del commissario straordinario, prevedendo eventuali divieti e conseguenti sanzioni relativi all’esercizio della funzione commissariale. L’emendamento recepisce inoltre la condizione posta dalla Commissione Bilancio, così come l’emendamento 2.101 che sopprime la lettera h) dell’articolo 2 in materia di ammortizzatori sociali. Sottolinea altresì che non ha ritenuto di recepire la condizione posta nel parere espresso dalla Commissione Giustizia volta a modificare da 250 a 450 la soglia in materia del numero di dipendenti la quale identifica la tipologia di impresa singola ammessa alla procedura di amministrazione straordinaria.

La Commissione ha approvato gli emendamenti, nonostante gli interventi di Ignazio ABRIGNANI (SC-ALA CLP-MAIE) e Marco DA VILLA (M5S), ciritici sull’emendamento 2.201 del Relatore.