Risposta del Gov. a interrogazione su Piano di ammodernamento ILVA – 3 agosto 2017

E’ pervenuta a risposta del Governo all’interrogazione 5-12055 di Labriola sul Piano di ammodernamento dell’Ilva di Taranto da parte di Am Investco.

 

Di seguito il testo della risposta:

Si fa presente in via preliminare che, secondo quanto previsto dalla normativa vigente, entro un mese dall’aggiudicazione, l’individuato gestore deve presentare al Ministero dell’Ambiente apposita domanda di autorizzazione integrata ambientale dei nuovi interventi e di modifica del Piano delle misure e delle attività di tutela ambientale e sanitaria, nonché di ogni altro titolo autorizzativo necessario per l’esercizio degli impianti. Tale domanda è stata presentata da AM InvestCo Italy S.P.A. in data 5 luglio 2017, in vista della procedura di consultazione pubblica e di istruttoria di competenza del Comitato di esperti nominato dal Ministero dell’ambiente.
Il medesimo Comitato avrà sessanta giorni, dalla pubblicazione sul sito web del Ministero della predetta domanda, per condurre l’istruttoria sugli esiti della consultazione e per predisporre una relazione.
Successivamente, entro 15 giorni dalla conclusione dell’istruttoria del Comitato, su proposta del Ministero dell’Ambiente, dovrà essere emanato il nuovo DPCM che prevede le modifiche o integrazioni che assicurano standard di tutela ambientale coerenti con le medesime previsioni.
Pertanto, solo con l’emanazione del nuovo DPCM saranno definiti i termini di esecuzione degli interventi di adeguamento ambientale autorizzati.
Si segnala, da ultimo, che in data 1 agosto 2017 è stata pubblicata sul sito del Ministero la domanda di autorizzazione integrata ambientale da parte di AM InvestCo, al fine di renderla disponibile per la consultazione pubblica.
Ad ogni modo, per quanto di competenza, il Ministero dell’ambiente continuerà a svolgere le proprie attività mantenendo alto il livello di attenzione sulla questione.