A conclusione dell’esame del Documento di economia e finanza 2017, le Assemblee di Camera e Senato hanno approvato le identiche risoluzioni di maggioranza presentate dai Sen. Zanda, Bianconi, Zeller, Guerra e dagli Onorevoli Rosato, Lupi, Monchiero, Dellai, Pisicchio, Alfreider, Buttiglione, Bueno, Locatelli.

Analisi
Le risoluzioni approvate impegnano il Governo, tra le altre cose:

• a conseguire i saldi programmatici di finanza pubblica;
• a promuovere una riforma della politica economica europea sostenendo con maggior forza l’introduzione di uno strumento comune di stabilizzazione macroeconomica;
• a disattivare l’incremento delle aliquote IVA e delle accise nel 2018;
• a rafforzare gli investimenti pubblici;
• a favorire forme di reale autonomia e responsabilità finanziaria degli enti locali;
• a dare attuazione alla delega per il contrasto alla povertà;
• a dare seguito agli impegni assunti sul pubblico impiego;
• a intervenire sul cuneo fiscale per favorire l’occupazione giovanile;
• a proseguire la semplificazione del sistema tributario e a ridefinire l’IRPEF;
• a valutare il programma di privatizzazioni anche in rapporto agli obiettivi strategici di politica industriale;
• a proseguire nello sforzo di messa in sicurezza degli edifici;
• a considerare collegato alla manovra il ddl recante delega per il codice dello spettacolo.