Proseguono gli incontri di Federmanager in vista della Legge di Bilancio 2019

Nel corso della scorsa settimana sono proseguiti gli incontri istituzionali nei quali Federmanager ha presentato le proprie proposte in previsione della prossima Legge di Bilancio.

Molto positivo, l’incontro avuto il 12 settembre scorso con il Dr. Marco Calabrò della Direzione generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese del Ministero dello Sviluppo Economico, con cui ci si è confrontati in merito alle intenzioni del Dicastero sul prosieguo del Piano industria 4.0. Calabrò ha confermato la volontà del Governo di dare continuità alle misure in vigore, per cui non ci saranno particolari stravolgimenti all’impianto complessivo del Piano, specificando che sono allo studio degli accorgimenti per concentrare maggiormente gli interventi a sostegno delle piccole e medie imprese.

A tale proposito, si sono condivisi i contenuti di una proposta di legge per l’introduzione di voucher per l’assunzione di manager per l’innovazione nelle PMI, che la Federazione ha elaborato e consegnato al fine di inserirla tra le proposte di intervento che il Ministero sta predisponendo per la prossima Legge di bilancio.

Inoltre, dal confronto è emersa ampia disponibilità da parte del Mise a coinvolgere la Federazione anche su altre tematiche, a cominciare dal possibile coinvolgimento di risorse manageriali a sostegno dei tavoli di crisi industriale e alla riconversione delle aree di crisi, su cui è competente proprio il Dipartimento diretto dal Dr. Calabrò.

L’incontro del 20 settembre scorso con il Capo dell’Ufficio Legislativo del Ministero dell’Economia, Cons. Glauco Zaccardi, si è focalizzato specificatamente sulle misure di natura fiscale che saranno inserite nella Legge di bilancio e, in particolare, si è discusso dell’intenzione del Governo di intervenire sulla disciplina delle c.d. tax expenditures.

Si è trattato di un incontro interlocutorio, considerato anche il ruolo di tecnico del Cons. Zaccardi, il quale si è limitato a confermare che, allo stato attuale, al Ministero sono ancora in corso le valutazioni sui possibili settori di intervento e sulle stime di spesa dei vari interventi, sottolineando comunque che non ci sarebbe, al momento, un orientamento verso il riordino del sistema di tax expenditures (in particolare, con riferimento alle detrazioni previste a sostegno delle forme di assistenza sanitaria integrativa e di previdenza complementare).

Il Cons. Zaccardi è stato in grado di fornirci informazioni già abbastanza diffuse sulle misure su cui sta lavorando nella stesura della Legge di Bilancio, confermando che il Ministero è fortemente impegnato, in questo momento, a redigere le proposte di legge necessarie a dare attuazione alla cd. flat tax e al reddito di cittadinanza, due misure che le forze di maggioranza sono particolarmente intenzionate ad introdurre nella Legge di Bilancio.

Prosegue l’interlocuzione con il dott. Raffaele Fontana, Capo Segreteria Tecnica del Sottosegretario al Lavoro on. Durigon, con cui si è tenuto un secondo incontro in cui si è condivisa la necessità di un cambiamento e di una ripartenza del sistema produttivo italiano cominciando da un processo di rinnovamento della governance delle piccole-medie imprese, cuore pulsante dell’economia italiana, attraverso una maggiore diffusione e contaminazione della cultura manageriale all’interno delle stesse. Questo il file rouge dell’evento pubblico che Federmanager sta organizzando per l’autunno con un parterre variegato che vede la presenza di Parti sociali ed illustri esponenti del mondo politico-istituzionale chiamati ad intervenire sul tema, cui il dott. Fontana ha dichiarato la sua disponibilità e quella dell’on. Durigon al prendervi parte.

L’occasione sarà proficua per illustrare i contenuti della Proposta di legge per la prossima Legge di Bilancio che Federmanager ha presentato per l’introduzione di voucher sulle assunzioni di Innovation Manager da parte di micro, piccole e medie imprese o reti d’impresa che ha trovato pieno apprezzamento da parte del dott. Fontana, rimarcando ancora una volta gli effetti benefici che il ruolo di un manager può avere nel processo di rilancio delle PMI.

Positiva è stata la richiesta di collaborazione rivolta a Federmanager rispetto al progetto riformatore che sta riguardando il c.d. Terzo Settore, un Settore che ha riportato ad oggi risultati positivi e con buone prospettive avanti a se’. Congiuntamente si è convenuto che affinché anche il Terzo settore possa diventare un altro pilastro dell’economia italiana è fondamentale che anche la sua gestione sia improntata sui principi cardine della cultura manageriale.