MISE: Insediamento Comitato guida su Industria 4.0 – 21 settembre 2016

Si è svolta  presso il Ministero dello Sviluppo economico, l’insediamento a porte chiuse del Comitato Guida su Industria 4.0 al quale hanno partecipato i soggetti aderenti al Protocollo Intesa MISE/MIUR dedicato. La presentazione del piano al pubblico si terrà nel pomeriggio a Milano, alla presenza del Presidente del Consiglio Renzi.

Analisi
Il Ministro Calenda ha dato il via alla cabina di regia, che ha specificato va intesa come consiglio degli stakeholder o assemblea degli azionisti del progetto. Seguiranno, successivamente, i gruppi tecnici/tematici. A partire da oggi, infatti, comincia la fase di implementazione con un orizzonte temporale di 4 anni. Le misure entreranno nella prossima legge di bilancio. Ha sottolineato che le misure devono avere una flessibilità che tenga in considerazione che la rivoluzione tecnologica investe tutti i processi produttivi ed è difficile capire quale tecnologia sarà prevalente. Il Governo si attende benefici in termini di flessibilità (produzione di piccoli lotti a costi di grande scala), velocità, produttività e qualità. L’impegno economico si quantifica in 13 miliardi di euro e, nonostante la potenza di fuoco sia concentrata nel 2017, la sostenibilità è garantita grazie allo strumento dell’ammortamento.

Le linee guida del Governo sono le seguenti:
• Operare in una logica di neutralità tecnologica.
• Intervenire con azioni orizzontali e non verticali o settoriali.
• Operare su fattori abilitanti.
• Orientare strumenti esistenti per favorire il salto tecnologico e la produttività.
• Coordinare i principali stakeholder senza ricoprire un ruolo dirigista.

Le direttrici strategiche di intervento sono le seguenti:
Direttrici chiave
o Investimenti innovativi (Incentivare gli investimenti privati su tecnologie e beni innovativi; Aumentare la spesa privata in R&S; Rafforzare la finanza a supporto dell’innovazione e delle start-up).
o Competenze (Diffondere la cultura dell’industria 4.0 attraverso Scuola digitale e alternanza scuola-lavoro; Sviluppare le competenze attraverso percorsi universitari e Istituti tecnici superiori dedicati; Finanziare la ricerca potenziando i Cluster e i dottorati; Creare competence center e digital innovation hub)
Direttrici di accompagnamento
o Infrastrutture abilitanti (Assicurare adeguate infrastrutture di rete con il Piano Banda Ultra Larga; Collaborare alla definizione di standard e criteri di interoperabilità)
o Strumenti pubblici di supporto (Garantire gli investimenti privati; Supportare i grandi investimenti innovativi; Rafforzare e innovare il presidio di mercati internazionali; Supportare lo scambio salario-produttività attraverso la contrattazione aziendale decentrata)

Di particolare rilievo gli incentivi fiscali:
Iperammortamento: Incremento aliquota per investimenti I4.0 dal 140% al 250%.
Superammortamento: Proroga del superammortamento con aliquota al 140% ad eccezione di veicoli ad altri mezzi di trasporto che prevedono una maggiorazione ridotta al 120%.
Tempistiche: Al fine di garantire la massima attrattività della manovra, estensione dei termini per la consegna del bene al 30/06/18 previo ordine e acconto >20% entro il 31/12/17.

INTERVENTI ISTITUZIONALI
Il Ministro dell’Economia Padoan ha evidenziato che ai policymaker servono più strumenti per accelerare la crescita e la politica industriale. Siamo nel contesto della finanza per la crescita, in cui lo stato deve fare la propria parte, pur con risorse limitate se si vuole continuare l’opera di risanamento della finanza pubblica. L’ambizione è quella di definire un modello per l’Europa, che si basi su un’azione coesa tra tutti i soggetti coinvolti. Il Ministro dell’Istruzione Giannini ha presentato la parte del piano relativa al l’attivazione delle competenze, su tutta la filiera della conoscenza, con l’obiettivo di creare skills e rafforzare la conoscenza. Il Ministro dell’Agricoltura Martina ha affermato che una delle sfide riguarda l’agricoltura e il settore primario; ha sottolineato, inoltre, che lo Human Technopole sarà una delle leve di questa operazione. Il Ministro dell’Ambiente Galletti ha sottolineato che l’ambiente è sempre stato percepito come un vincolo mentre, in questo contesto, viene considerato una opportunità di sviluppo, specialmente tramite l’economia circolare e le misure per l’efficientamento energetico, oltre allo sviluppo di nuovi brevetti dedicati. Il Ministro del Lavoro Poletti ha evidenziato che serve una riflessione su come cambia il lavoro, per far capire che innovazione non è sempre minaccia; bisogna quindi accompagnare i processi di cambiamento, specialmente per chi li subirà senza beneficio. Il Presidente di CDP Gallia ha rilevato che il ruolo della cassa è quello di promuovere un investimento che ne generi altri, sostenendo la partecipazione dei soggetti privati.