Interrogazione Pd su lavoratori marittimi e mozione M5s su ricongiunzione contributiva – 15 settembre 2016

Sono state presentate una interrogazione a risposta orale in Aula a prima firma della Sen. Granaiola (Pd – Comm. Igiene) sui lavoratori marittimi e una mozione a prima firma del Sen. Lucidi (M5s – Comm. Affari esteri) sulla ricongiunzione onerosa dei contributi.

 

Analisi

Interrogazione 3-03130 a risposta orale in Aula a prima firma della Sen. Granaiola (Pd – Comm. Igiene) sulla parità di trattamento tra i lavoratori marittimi e quelli europei.
Gli interroganti chiedono al Ministro dei Trasporti Delrio quali misure intenda assumere per ripristinare una parità di trattamento tra i marittimi italiani e gli altri marittimi europei, con particolare riguardo:
o alla necessità di modificare il requisito dei 30 mesi continuativi di navigazione su unità da diporto in uso privato come “funzione equivalente”, prevedendo che tale periodo possa essere anche non continuativo;
o alla possibilità di consentire, ai soli fini del certificato di competenza, che siano valutate come equivalenti al servizio di navigazione richiesto forme di navigazione alternative, che dimostrino il mantenimento delle competenze indicate nel certificato da rinnovare;
o all’urgente e improcrastinabile attuazione della legge n. 167 del 2015 che ha delegato il Governo a riformare il codice della nautica da diporto, anche ai fini di aggiornare e modificare le norme riguardanti i certificati del diporto, prevedendo iter semplificati e più attenti alle esigenze di un mercato del lavoro che, nel caso dei marittimi, è internazionale.

Mozione 1-00622 a prima firma del Sen. Lucidi (M5s – Comm. Affari esteri) sulla ricongiunzione onerosa dei contributi.
La mozione impegna il Governo a porre in essere opportune iniziative di carattere legislativo, al fine di modificare la normativa citata in oggetto, escludendo l’onerosità dell’operazione di ricongiunzione presso la gestione ordinaria INPS dei contributi già versati in diverse gestioni previdenziali, anche avendo già maturato i requisiti per il diritto autonomo a pensione in una forma assicurativa.