Interrogazione GAL su cumulo contributi ai fini pensionistici – 13 giugno 2017

E stata presentata un’interrogazione del sen. D’Ambrosio Lettieri (GAL, Comm. Igiene e Sanità) in tema di cumulo dei contributi ai fini pensionistici.

Analisi
L’interrogante ricorda che la Legge di Bilancio per il 2017 ha modificato la previgente disciplina del “cumulo gratuito” estendendo, tra l’altro, la facoltà di un suo utilizzo anche agli iscritti agli enti di previdenza privatizzati. Il rappresentante del Gruppo GAL inoltre, tra le altre cose, riferisce che l’istituto del cumulo non è ancora operativo per gli iscritti agli enti di previdenza dei professionisti: il pagamento del trattamento pensionistico avverrà, infatti, tramite l’INPS, che dovrà provvedere ad attivare un’apposita piattaforma informatica, similmente a quanto previsto per la totalizzazione, al fine di rendere operativo il pagamento del trattamento e la ripartizione degli oneri.

L’ente è, inoltre, in attesa di conoscere le direttive del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali relativamente ad alcuni aspetti problematici della normativa. L’interrogante evidenza come le singole casse di previdenza dei professionisti abbiano già pubblicato apposite circolari esplicative all’interno di propri siti web e predisposto le modalità di fruizione del cumulo, in attesa del citato decreto e della citata circolare INPS.

L’atto chiede al Ministro del Lavoro e al Ministro dell’Economia:
quali siano le motivazioni del ritardo nell’emanazione del decreto ministeriale e della circolare INPS richiamati e quali siano i tempi previsti per l’emanazione;
quali siano i criteri che verranno adottati per l’emanazione del decreto ministeriale;
• se il Ministro dell’Economia e delle Finanze abbia determinato l’impatto finanziario che la norma sul cumulo gratuito avrebbe sulle finanze dello Stato.