Industry 4.0: Audizione Padoan in Commissione Bilancio – 8 giugno 2016

Nell’ambito dell’indagine su Industria 4.0 si è tenuta in Commissione Bilancio della Camera dei Deputati l’audizione del Ministro Padoan.

Analisi
Nel corso della seduta il Ministro dell’Economia Padoan è intervenuto in Commissione Bilancio alla Camera. Il Ministro ha spiegato che l’azione del Governo per spingere lo sviluppo del settore industriale, in particolare quello manifatturiero verso l’economia 4.0 caratterizzata dalla rivoluzione dei processi, si fonda su tre principi.

• Promozione di un business environment che promuova l’iniziativa imprenditoriale e la formazione del capitale umano;
• Semplificazione della normativa fiscale e riduzione delle imposte su famiglie e imprese;
• Promozione dell’innovazione attraverso una politica di incentivi agli investimenti ad alto contenuto tecnologico e digitale.

Entrando nel merito dell’Industria 4.0, Padoan ha ricordato che questa è soprattutto una rivoluzione dei processi alla quale serve un interlocutore adeguato. In questo senso ci vuole una pubblica amministrazione 4.0, ossia una amministrazione che usa i media digitali, veloce ed efficace. E’ per questo che la riforma della pubblica amministrazione è una priorità del governo, perché può essere motore della crescita. Stiamo assistendo alla quarta rivoluzione industriale, l’Ict è sempre più presente nella vita dei cittadini, ma nell’industria entra in modo sempre più pervasivo. Le nuove tecnologie giocano un ruolo sempre più importante nei processi produttivi, ma sta generando un nuovo paradigma di produzione con quattro caratteristiche:

  •  diversi segmenti della catena tra loro interconnessi, che rendono le decisioni più automatiche;
  • una personalizzazione prodotto possibile anche in ordini di vasta scala;
  •  risorse allocate in maniera più efficiente;
  • una programmazione altamente flessibile che assegna al capitale umano, un ruolo che lo valorizza.