Incontro con il Capo di Gabinetto del Ministero dei Trasporti

In un incontro tenutosi il 9 marzo scorso con il Capo di Gabinetto del Ministro alle Infrastrutture e Trasporti, Cons. Mauro Bonaretti, il Presidente Cuzzilla ha avuto modo di presentare il nostro sistema di rappresentanza e l’azione propulsiva per lo sviluppo del Paese che la Federazione intende realizzare attraverso le attività di due Commissioni tecniche dedicate rispettivamente ai temi della Sanità – già insediata – e delle Politiche industriali, con l’obiettivo di produrre idee e proposte da sottoporre alle istituzioni competenti.

 

In particolare, all’interno della Commissione sulle Politiche industriali è previsto l’avvio dei lavori di un tavolo tecnico dedicato a Infrastrutture, Trasporti e Logistica, con cui ci si propone di fornire un contributo attivo al Ministero sulle problematiche dei diversi comparti.

 

Il Cons. Bonaretti si è mostrato molto disponibile ad accogliere la collaborazione della nostra Organizzazione, assumendo anche l’impegno a farsi portatore dell’invito al Ministro Graziano Delrio a intervenire all’Assemblea Nazionale di Federmanager, programmata per il 6 maggio p.v. a Roma.

 

Nello specifico delle tematiche del settore, un primo focus si è fatto subito sullo schema di Decreto Legislativo di riorganizzazione delle Autorità Portuali, con cui si procede a una revisione della governance dei Porti e si prevede la loro trasformazione in Autorità di Sistema, recando tuttavia alcuni aspetti critici, su cui ha concordato lo stesso Cons. Bonaretti.

 

Ci si riferisce tra gli altri, in particolare, all’impostazione del provvedimento per cui la natura delle nuove Autorità di Sistema Portuale rischia di assumere connotati pubblicistici e, di conseguenza, adottare modelli burocratici scarsamente dinamici e, quindi, inadeguati alle esigenze del mercato. La duplicazione dei Ministeri di indirizzo e vigilanza e quello della possibile attrazione dei rapporti di lavoro nell’ambito della contrattazione del pubblico impiego, sono gli aspetti più critici.

 

Su questi argomenti ci proponiamo, in un confronto dialettico e propositivo, di dare un contributo al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, nella convinzione che le specificità e peculiarità del sistema portuale non possano essere ricondotte semplicemente a logiche di una tradizionale pubblica amministrazione, ma vadano considerate un driver strategico e centrale per la modernizzazione del nostro sistema infrastrutturale e dei trasporti a sostegno dell’intero sistema produttivo.