Incontro con Armando Siri, Sottosegretario al MIT

Non solo infrastrutture. Si è parlato di Tav ma anche di fisco e di politica industriale nell’incontro con Armando Siri, sottosegretario al MIT, organizzato il 20 febbraio scorso dalla società Cattaneo Zanetto &Co, a cui ha partecipato il presidente Federmanager, Stefano Cuzzilla.

Durante la riunione riservata, il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti ha ribadito la tenuta del governo e del contratto sottoscritto con gli elettori, che costituisce il perno dell’azione della maggioranza. Questo, in vista anche delle prossime Europee di maggio 2019: il voto europeo, a detta dell’esponente leghista, rappresenta un’occasione storica per incidere nelle scelte comunitarie in modo forte e per costruire un’Europa diversa da quella attuale.

Siri e Cuzzilla hanno poi avuto modo di confrontarsi sul tema delle grandi opere. Sul punto, il presidente dei manager ha affermato: «L’incertezza degli investimenti sui progetti industriali chiave del Paese sta causando danni solo in parte calcolabili. È bene che la componente del governo che è più sensibile alla questione industriale alzi la propria voce per consentire la conclusione dei progetti strategici, a partire dalla Tav».

«Ci aspettiamo che vengano prese senza ulteriori indugi le decisioni sugli investimenti da fare e che vengano avviati i bandi e gli appalti connessi. Il Paese non si può fermare a causa dei tentennamenti della situazione politica», ha chiarito Cuzzilla.

Il sottosegretario Siri ha assicurato l’impegno dell’area leghista ad assumere presto una posizione condivisa in merito a Tav e alle altre questioni strategiche. Ha quindi offerto una panoramica tecnica sulle questioni fiscali e sul decreto semplificazione per le imprese e la pubblica amministrazione che è stato pubblicato in Gazzetta lo scorso 12 febbraio.

Da ultimo, il presidente Cuzzilla ha avuto modo di portare all’attenzione del senatore il tema delle aziende partecipate dallo Stato, raccomandando di dare sostegno a investimenti e sviluppo.