I dirigenti Federmanager Roma per la rinascita della Capitale

Una sferzata affinché il rallentamento della ripresa non faccia troppi danni e per mitigare i rischi di una involuzione, unita alla richiesta di esonerare la Capitale dal ruolo di teatro di scontro fra fazioni politiche. E’ questa la richiesta dei manager di Roma e Lazio alle istituzioni emersa  durante l’assemblea annuale di Federmanager Roma tenutasi lo scorso 24 giugno , alla luce dei dati in chiaroscuro espressi dal rapporto Bankitalia e della recrudescenza del dibattito politico sulle sorti di Roma.

Il Presidente di Federmanager Roma Giacomo Gargano ha sottolineato che “I risultati di Banca d’Italia che ci ha detto che il Lazio nel 2018 è cresciuto meno delle altre regioni, è chiaro che questo ci ha fatto preoccupare, anche in quei settori dove noi siamo sempre stati all’avanguardia. È vero che abbiamo perso delle sfide, però è vero che abbiamo ancora un knowhow di managerialità, che ci aiuterà, ne sono convinto, a riprendere la strada e la leadership nazionale, sia come Roma, che come Lazio“, ha aggiunto.

Fondamentale ha osservato Gargano, “è il sostegno all’automotive e alle rinnovabili che consentono la riduzione dei costi energetici e restano settoristrategici per la crescita del nostro territorio“. “L’occupazione a livello regionale resta stabile, grazie alla crescita degli occupati nell’industria che bilancia il calo di occupazione nei servizi, fattore comunque preoccupante al pari del crollo del 16,2% degli investimenti pubblici”, ha aggiunto.

All’assemblea, introdotta dai saluti di Stefano Cuzzilla, presidente Federmanager Nazionale hanno partecipato, tra gli altri: Gennaro Vecchione, Direttore Generale Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza della Repubblica; Nicolò Marcello D’angelo, Prefetto già Vice Capo della
Polizia; Giovanni lo Storto, Direttore Generale Luiss Guido Carli, Claudio Lotito, presidente della Lazioss.; William De Vecchis, Vice presidente Commissione Lavoro pubblico e privato Senato della Repubblica, Annamaria Parente, Vice presidente Commissione Lavoro pubblico e privato Senato della Repubblica, Filippo Tortoriello, Presidente Unindustria, Riccardo Pedrizzi, Presidente Nazionale C.T.S. Ucid. La kermesse è stata impreziosita dalle testimonianze di Mario Trimeri, manager e primo scalatore al mondo ad aver scalato le Seven Summits e le Volcanic Seven Summits, Raffaele Zurlo CEO Brenner Basis Tunne.