Consiglio dei Ministri n. 4 del 19 dicembre 2016

Il Consiglio dei Ministri si è riunito  a Palazzo Chigi alla presenza del Presidente del Consiglio Gentiloni.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato una relazione che presenterà al Parlamento per chiedere l’autorizzazione al Governo di a ricorrere all’indebitamento fino a 20 miliardi, in caso si rendesse necessario un decreto legge sulle banche.

I Sottosegretari dovrebbero essere nominati nel prossimo CdM di venerdì 23 dicembre.

Di seguito i principali punti affrontati .

Il Governo presenterà in Parlamento una relazione che autorizza l’indebitamento fino a 20 miliardi al fine di salvare il risparmio. Ove fosse necessario, l’impatto sarebbe sul bilancio 2017.
Padoan ha spiegato in merito che la relazione è a titolo precauzionale. In particolare, i 20 miliardi dell’intervento salva-risparmio saranno utilizzabili per due fini: una garanzia di liquidità per ripristinare la capacità di finanziamento a medio e lungo termine delle banche e per un programma di rafforzamento patrimoniale.

L’impatto sul debito pubblico dell’intervento del governo per le banche, sarà temporaneo, e quindi non impatta sull’aggiustamento strutturale. In generale, il criterio di ricapitalizzazione a scopo precauzionale andrà sostenuto da interventi che rispettino la normativo Ue, ma andrà verificato caso per caso. Su MPS, Padoan ha preferito non commentare, essendoci operazioni di mercato aperte.

Padoan, rispondendo ad una domanda sulla posizione della Germania sull’intervento per il settore bancario annunciato oggi, ha ricordato che qualsiasi commento è prematuro visto che problemi bancari non sono solo di questo Paese.