Commissione Europea: Proposta regolamento prodotti pensionistici individuali paneuropei

La Commissione europea il 29 giugno ha adottato   una proposta di regolamento sui prodotti pensionistici individuali paneuropei. Inoltre la Commissione ha presentato una Raccomandazione volta a garantire il decollo dei PEPP, in cui chiede che gli Stati membri concedano a questo prodotto il medesimo trattamento fiscale applicato ai prodotti nazionali analoghi esistenti.

La proposta intende mettere a disposizione dei fornitori di pensioni gli strumenti per offrire un prodotto pensionistico individuale paneuropeo semplice e innovativo (PEPP). Questo nuovo tipo di pensione individuale volontaria è studiato per offrire ai risparmiatori maggiori possibilità di scelta quando risparmiano per la vecchiaia e per fornire loro prodotti più competitivi.
I PEPP avranno gli stessi elementi standard ovunque essi siano venduti nell’UE e possono essere offerti da un’ampia gamma di fornitori, come banche, imprese di assicurazione, fondi pensionistici aziendali o professionali, imprese di investimento e gestori di attivi. Essi integrano le pensioni statali, aziendali e professionali e individuali nazionali, ma non sostituiscono né armonizzano i regimi pensionistici individuali nazionali.
Attualmente, il mercato europeo delle pensioni individuali è frammentato e discontinuo. Le offerte sono concentrate in alcuni Stati membri, mentre in altri sono quasi inesistenti. Questa differenza è legata all’esistenza di norme a livello dell’UE e nazionale, che ostacolano lo sviluppo di un mercato UE competitivo e di grandi dimensioni per le pensioni individuali. Il PEPP consentirà ai consumatori di integrare volontariamente i loro risparmi per la pensione:
• i risparmiatori che optano per un PEPP avranno più scelta grazie all’ampia gamma di fornitori di PEPP.
• Per offrire il PEPP, i fornitori dovranno essere autorizzati dall’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (EIOPA).
• I PEPP garantiranno ai risparmiatori un livello elevato di protezione nell’ambito di una semplice opzione di investimento standard.
• Ogni cinque anni i risparmiatori avranno il diritto di cambiare il fornitore, sia a livello nazionale che a livello transfrontaliero, a un costo limitato.
• Il PEPP sarà trasferibile tra Stati membri, vale a dire che i risparmiatori saranno in grado di continuare a contribuire al loro PEPP quando si trasferiscono in un altro Stato membro.
Il quadro normativo che la Commissione propone oggi creerà opportunità per un’ampia gamma di fornitori nel mercato delle pensioni individuali:
• I fornitori saranno in grado di offrire PEPP in diversi Stati membri, mettere in comune le attività in maniera più efficace e realizzare economie di scala.
• I fornitori di PEPP saranno in grado di raggiungere i consumatori in tutta l’UE attraverso canali di distribuzione elettronica.
• I fornitori di PEPP e i risparmiatori avranno diverse opzioni per i pagamenti alla fine della durata di vita dei prodotti.
• I fornitori di PEPP beneficeranno di un passaporto UE per agevolare la distribuzione transfrontaliera.
La proposta di regolamento PEPP è accompagnata da una raccomandazione della Commissione sul trattamento fiscale dei prodotti pensionistici individuali, compresi i PEPP. La Commissione incoraggia gli Stati membri a riservare ai PEPP lo stesso trattamento fiscale concesso ai prodotti nazionali analoghi esistenti, anche se il PEPP non soddisfa pienamente i criteri nazionali per gli sgravi fiscali. Gli Stati membri sono inoltre invitati a scambiare le migliori pratiche concernenti la tassazione dei loro attuali prodotti pensionistici individuali, il che dovrebbe favorire la convergenza dei regimi fiscali.

La proposta relativa al PEPP sarà ora discussa in sede di Parlamento europeo e di Consiglio.