Audizione Ministro Padoan su Dl Manovra – 4 maggio 2017

Si è svolta oggi presso le Commissioni Bilancio di Camera e Senato riunite, l’audizione del Ministro dell’Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, nell’ambito dell’esame del Dl Manovra (C.4444).

Analisi
Il Ministro Padoan ha introdotto l’intervento affermando che la manovra si è resa opportuna per una serie di fattori convergenti che hanno accentuato la percezione di un “rischio Italia”, testimoniato da alcune valutazioni peggiorative delle agenzie di rating, dall’avvicinamento del termine della politica monetaria espansiva della Bce, l’approssimarsi della fine della legislatura e il debito elevato.
Il Governo ha ritenuto che la correzione si inserisse in una strategia di medio periodo, perciò è opportuno che si affianchi ad una dimensione espansiva di rafforzamento della crescita. Tra i provvedimenti in questo senso il Ministro ha citato i fondi aggiuntivi per le aree colpite da terremoto, nuove zone franche urbane, la modifica delle procedure di erogazione dei fondi a favore delle regioni coinvolte, nuove misure di finanza per la crescita. Complessivamente, considerate le misure di aumenti di entrate e di riduzione della spesa il decreto dispone di una manovra lorda di 3,7 miliardi nel 2017.
Il Ministro ha poi affermato che il Governo conferma gli obiettivi programmatici indicati nel DEF e il conseguimento del pareggio di bilancio nel 2020.

Per quanto riguarda le misure previste:
Aree colpite dal sisma – Il Decreto stanzia 3 miliardi destinati agli investimenti per la ricostruzione di edifici privati ed edifici pubblici, tra cui quelli scolastici.
Sospensione pagamenti tributari – Vengono prorogati i termini per la sospensione dei pagamenti tributari ed è data facoltà di rateizzare i pagamenti sospesi. La ripresa della riscossione è fissata al 6 febbraio 2018.
Zone franche urbane – Per i periodi di imposta 2017-2018 sono istituite ZFU nei comuni di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria colpiti dai fenomeni sismici. Vengono riconosciute agevolazioni alle imprese danneggiate (che hanno subito una riduzione del fatturato superiore al 25%).
Enti territoriali – Il quadro normativo di riferimento non richiede interventi significativi; l’assetto è infatti stabile a seguito delle riforme relative alla contabilità e al pareggio di bilancio in Costituzione. Il decreto si limita dunque ad alcuni interventi, peraltro già condivisi con Anci. Tra questi, interventi per la riqualificazione delle periferie di province e città metropolitane; per l’edilizia scolastica; per la manutenzione della rete viaria (tutti a valere sul fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale).
Trasporti – Il decreto contiene misure per la stabilizzazione del fondo destinato al trasporto pubblico locale e l’istituzione di un apposito fondo del bilancio dello Stato, destinato a finanziare gli interventi per l’ammodernamento dei carri merci e a compensare le imprese ferroviarie dei maggiori oneri di gestione. Previste inoltre norme che favoriscono sinergie tra Anas e gruppo FS, con lo scopo di rilanciare gli investimenti nel settore delle infrastrutture.
Misure di finanza per la crescita – La recente riforma dei PIR fornisce per la prima volta uno strumento per canalizzare il risparmio privato verso l’economia. Il Decreto arricchisce tali misure.
Per quanto riguarda le fonti di copertura, il reperimento delle risorse è assicurato attraverso un pacchetto di disposizioni che mirano al recupero della base imponibile e all’accrescimento della fedeltà fiscale. In particolare:
Split payment – Viene esteso a tutte unità istituzionali incluse nel conto consolidato della Pa, alle società controllate direttamente o indirettamente dalla Pa, alle società quotate. Le valutazioni ex post della misura hanno evidenziato un recupero del gettito di circa 2,1 miliardi, ben superiore alle stime iniziali. Per il 2017 è atteso un recupero di gettito pari a 1046 milioni, considerando che entrerà in vigore a luglio.
• Prelievo aliquota erariale unica – su gioco del lotto, lotterie istantanee; aliquota su tabacchi.
Affitti a breve termine – Aliquota del 21% sui canoni delle locazioni brevi, anche su piattaforma elettronica.
• ACE – Riviste le modalità di Aiuto alla Crescita Economica (ACE), prevedendo una base di riferimento mobile.
Patent box – La disciplina introdotta dalla legge di stabilità del 2015 viene allineata agli standard internazionali.
Misure di contenimento della spesa – Tipicamente attraverso la riduzione della spesa dei bilanci dei Ministeri.
• Credito d’imposta – Previsto il credito d’imposta per l’acquisto di beni per le imprese del Mezzogiorno.

Nel rispondere alle questioni sollevate dai parlamentari, il Ministro ha sollevato i seguenti temi:
• Dpcm su investimenti – Questo è pronto, a livello tecnico, per essere valutato. Il Dpcm è un elemento fondamentale nella strategia del governo perché il decreto contiene importanti momenti di stimolo.
• Tempi di rimborso split payment – Tali tempi si sono, negli ultimi anni, di gran lunga ridotti. Il tema è all’attenzione del Governo e si prevede dio introdurre modalità accelerate per il rimborso.
• Credito d’imposta per il Mezzogiorno – La dotazione di risorse è adeguata al tiraggio; non ci sarà nessuna riduzione.
• Investimenti pubblici – Dovrebbero essere accelerati, per questioni innanzitutto di crescita dell’economia. C’è stato un ritardo negli investimenti pubblici sia a livello centrale che locale; si sta valutando se ciò sia dovuto all’introduzione del nuovo codice degli appalti, ma così non sembra, perlomeno a livello centrale.
• Comuni, province, enti locali – I meccanismi sono diversi e così anche i tempi per gli interventi. Per le province, il fatto di non averle abolite completamente ha fatto sì che il Governo si sia trovato nella situazione di dover reperire risorse non previste. Su comuni e regioni, il dialogo è in corso. Questo decreto permette di aumentare le risorse disponibili.
Accordo con Google – Questo segnala la necessità di lavorare nella direzione di un regime più chiaro, trasparente e implementabile. Questo tema deve essere portato avanti, di pari passo a livello nazionale e internazionale (la presidenza italiana ha sottoposto questo tema, che verrà discusso in occasione del G7 di Bari).