Audizione alla Camera dei Deputati sulla rappresentatività delle OO.SS.

Una delegazione CIDA, composta dai rappresentanti di Federmanager e Manageritalia, guidati dal presidente confederale, Mario Mantovani, è stata audita il 25 settembre scorso dalla XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) della Camera dei deputati nell’ambito dell’esame delle proposte di legge recanti norme in materia di rappresentanza sindacale nei luoghi di lavoro e di accertamento della rappresentatività delle organizzazioni sindacali.

La posizione espressa dalla Cida ha rimarcato, innanzitutto, come il sistema di relazioni industriali storicamente affermatosi nel nostro Paese, sulla base del principio costituzionale di libertà sindacale, non abbia condotto ad alcuna rivendicazione sulla rappresentatività esclusiva delle singole Organizzazioni di rappresentanza per la categoria dei dirigenti del settore privato, per cui non si ritiene che sia la legge lo strumento più idoneo a regolare la materia dell’autonomia negoziale, pur riconoscendo la proliferazione di sigle sindacali e accordi collettivi nelle altre aree di rappresentanza.

A conferma di ciò, le proposte di legge presentate sul tema del rilevamento della rappresentatività risultano assolutamente incompatibili con il sistema di rappresentanza della dirigenza, tenendo conto della peculiarità della figura dirigenziale, della ridotta numerosità nelle aziende e delle modalità di adesione dei dirigenti alle rispettive Organizzazioni sindacali, alle quali, solitamente, preferiscono associarsi senza ricorrere allo strumento della delega per la trattenuta sulla retribuzione da parte del datore di lavoro.

Per questi motivi i criteri per rilevare la rappresentatività nazionale delle organizzazioni sindacali dei dirigenti vanno tenuti distinti da quelli adottati per le altre Organizzazioni, in considerazione della specificità della categoria e dell’organizzazione sindacale che li rappresenta, come peraltro emerso dal dibattito sviluppatosi nell’ambito della audizione informale, in cui anche i Parlamentari intervenuti hanno riconosciuto la necessità di differenziare i criteri di misurazione della rappresentatività sindacale delle Organizzazioni di rappresentanza manageriale rispetto alle altre sigle sindacali.