Approvata Risoluzione su acquisizione capitale sociale da parte dei dipendenti – 29 marzo 2017

Le Commissioni Attività produttive e Lavoro hanno concluso i lavori sulle risoluzioni 7-01024 Ciprini e 7-01106 Incerti recanti iniziative volte a favorire l’acquisizione del capitale sociale delle imprese da parte dei loro dipendenti, approvando un testo unificato (8-00229).

Analisi
La risoluzione impegna il Governo:
1. ad attivare ogni utile iniziativa finalizzata a promuovere la redazione di un testo unico che preveda un quadro normativo unitario, organico e di semplice applicazione in tema di costituzione, agevolazioni finanziarie e rapporti con il fisco per le operazioni di workers buy out (WBO) e una semplificazione degli strumenti a sostegno delle cooperative di lavoratori che rilevano aziende fallite o in crisi;
2. ad operare per un rafforzamento degli attuali strumenti di sostegno alle operazioni di WBO, in primo luogo coinvolgendo e sensibilizzando le diverse amministrazioni e parti sociali, a vario titolo impegnate nella gestione delle crisi aziendali, anche con l’istituzione di un tavolo tecnico tra i rappresentati workers buy out, Ministero dello sviluppo economico, Ministero del lavoro, Ministero dell’economia, Cooperazione Finanza e Impresa, CoopFond, Università e tutti i soggetti interessati, finalizzato a favorire e prospettare, qualora ne sussistano le condizioni, il ricorso a tale opportunità imprenditoriale e occupazionale anche con azioni di sostegno e accompagnamento nella definizione del business plan e del passaggio aziendale, tenendo in considerazione la possibilità di ricorrervi anche in nuovi settori produttivi;
3. a favorire iniziative normative volte a prevedere misure agevolative per il sostegno dell’occupazione anche attraverso possibili forme di decontribuzione ovvero agevolazioni fiscali a favore delle cooperative di lavoratori che danno vita ad una iniziativa imprenditoriale per rilevare l’azienda di cui erano dipendenti;
4. a favorire iniziative normative volte a prevedere l’incremento delle risorse destinate a finanziare gli interventi di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 4 dicembre 2014 recante l’istituzione di un nuovo regime di aiuto finalizzato a promuovere la nascita e lo sviluppo di società cooperative di piccola e media dimensione, assicurando tempistiche più rapide nell’erogazione dei finanziamenti;
5. a prevedere iniziative normative per il supporto delle start-up di cooperative costituite in prevalenza da lavoratori provenienti da aziende in crisi;
6. a favorire iniziative anche di carattere normativo che assicurino l’applicazione il regime di esenzione fiscale per gli importi delle indennità di mobilità o le somme erogate a titolo di NASpI reinvestite nella costituzione di WBO;
7. a promuovere l’introduzione di ulteriori strumenti di sostegno finanziario anche utilizzando le risorse derivanti dal bilancio dell’Unione europea;
8. a valutare l’opportunità di adottare, compatibilmente con i vincoli di finanza pubblica, nell’ambito di futuri provvedimenti economico-finanziari, misure economiche volte a facilitare l’accesso al credito da parte di WBO anche con eventuali forme di garanzia pubblica sui finanziamenti erogati dagli istituti di credito a favore delle iniziative di WBO.